Foto e video invadono Facebook: il nuovo linguaggio universale

by • 9 Gennaio 2015 • Nuovi Media, Social e dintorniCommenti disabilitati su Foto e video invadono Facebook: il nuovo linguaggio universale1618

Le persone parlano un linguaggio universale – costituito da foto, emoticon, sticker e video. Questo linguaggio visivo è generalmente considerato come una maniera succinta, efficiente dal punto di vista temporale e potente per le persone di esprimere il proprio punto di vista. Lo sviluppo della tecnologia mobile sostiene questo trend, mettendo a disposizione delle persone una fotocamera sempre pronta per catturare e condividere immagini e esprimere se stessi utilizzando la vista, i suoni e il movimento. “La videocamera è là sul tuo telefono… puoi semplicemente caricare ciò che hai catturato un semplice tocco”, dice Aimee, una 26enne dalla GB. [1]

Stiamo assistendo a questo passaggio verso un linguaggio visivo anche su Facebook. In un solo anno, il numero dei post video per persona è aumentato del 75% a livello globale e del 94% negli Stati Uniti. [2] E ogni giorno le persone in media caricano più di 350 milioni di foto su Facebook. [3]

Su Instagram, le persone hanno sempre comunicato in maniera visiva. Più di 300 milioni di persone in tutto il mondo postano più di 70 milioni di foto e video ogni giorno su Instagram. [4] Contemporaneamente, il numero medio di sticker condivisi ogni giorno su Facebook è aumentato del 75% dal 2013 al 2014. [5]

Scorri, ferma e vedi

Dal momento che le persone creano, postano e interagiscono sempre con più video su Facebook, la composizione del News Feed sta cambiando. Globalmente, la quantità di video dalle persone e dai brand nel News Feed è aumentata di 3.6 volte anno dopo anno. [6]

“Facebook è diventato molto più visivo” osserva Jay, un 38enne dagli Stati Uniti. “invece di pubblicare una citazione da un film, posso trovare il video e pubblicare direttamente quello.” [7]

Da Giugno 2014, Facebook ha raggiunto la media di 1 miliardo di visualizzazioni video ogni giorno. In media, più del 50% delle persone che accede a Facebook ogni giorno negli Stati Uniti guarda almeno un video al giorno. [8]

Una significativa porzione di queste visualizzazioni video avvengono da mobile: il 65% a livello globale. [9] Questo passaggio ai video mobile continua grazie a una connessione più veloce, un accesso meno oneroso e schermi più grandi e a più alta definizione. Cisco Systems stima che i video mobile cresceranno di 14 volte tra il 2013 e il 2018, valendo il 69% del traffico mobile totale di dati prima del periodo di previsione considerato. [10]

Dal momento che gli adulti negli Stati Uniti usano 1 dei loro 5 minuti spesi su mobile su Facebook e Instagram, queste piattaforme saranno chiave in questa crescita. [11]

Un posto per scoprire video

Facebook permette alle persone di scoprire contenuti condivisi sul News Feed dalle persone e i brand che sono per loro importanti. Le persone stanno riconoscendo che il video è parte di tutto ciò: il 76% delle persone che utilizza Facebook negli Stati Uniti dice che tende a scoprire i video proprio su Facebook [12]

Cosa significa per le imprese

La mobilità offre alle imprese maggiori opportunità di raggiungere le persone in maniera visivavamente interessante, trascendendo le barriere linguistiche attraverso uno schermo che è con le persone ovunque e sempre. I brand hanno infatti bisogno di portare le storia in vita nel giro di pochi secondi.

A questo riguardo ci sono alcune osservazioni preliminari basate sui nostri annunci video e sulla ricerca:

Assicura una forte creatività dal primo frame: il valore è creato molto rapidamente, iniziando dalla prima immagine e i primi pochi secondi (~3) del video. Per far sìche i pollici si fermino e le persone guardino, assicurate una forte creatività dal primo frame in poi.
Il valore incrementale va al di là dei primi pochi secondi. Ciò che alla fine conta è il contenuto e la storia. Mentre le persone tendono a guardare video corti, guarderanno video più lunghi fintantochè questi video gli raccontino buone storie.
Come parte della campagna McDonald sui Mondiali, per esempio, il Creative Shop di Facebook (insieme a OMD, Arc Sponsorship and Framestore) ha ricreato il più spettacolari momenti del giorno con una campagna video in tempo reale utilizzando le iconiche patatine fritte del McDonald come fan, allenatori e giocatori in uno stadio costituito dal packaging McDonald. La campagna FryFutbol  ha avuto come risultato ben più di 400 milioni di impressioni e ha raggiunto più di 125 milioni di utenti unici ( 80% dei quali erano da mobile) attraverso 158 paesi.[13]

Crealo per essere muto e aggiungi valore con l’audio acceso: visto che le persone guardano sempre più video dai loro dispositivi mobili durante il giorno, usa video che funzionino bene sia con audio sia senza cosicchè le persone possano essere coinvolte anche se il video viene visto in silenzioso.

Concentrati sui tuoi scopi generali della campagna: le campagne forti usano una combinazione di asset creativi, come per esempio sia foto sia video. Le imprese dovrebbero ottimizzare la oro creatività per diversi schermi, dispositivi e velocità di connessione per raggiungere le persone nella maniera più convincente ed efficace.

 

© venimo - Fotolia

 

[1] Fonte: “Communications Changes” di Millward Brown Firefly (studio commissionato da Facebook). 3 giorni IdeaBlog condotto su 30 comunicatori digitali, in età compresa tra I 18 e I 44 anni, negli Stati Uniti, GB, Brasile e Giappone durante la settimana del 13 gennaio, 2014.
[2] Fonte: Dati Interni Facebook sulla creazione di contenuti dal 1 gennaio 2013- al 1 novembre 2014, con accesso il 1 Novembre 2014.
[3] Fonte: Dati Interni Facebook, Q4 2012.
[4] Fonte: Dati Interni Instagram, dicembre 2014.
[5] Fonte: Dati Interni Facebook sull’uso di adesivi, aprile 2013- dicembre 2014.
[6] Fonte: Dati Interni Facebook sulla composizione del News Feed dal 2013, accessso fatto il 20 Dicembre, 2014. La media è sviluppata da giorni scelti casualmente dal 2013 e dal 2014.
[7] Fonte: “Communications Changes” di Millward Brown Firefly (studio commissionato da Facebook). 3 giorni IdeaBlog condotto su 30 comunicatori digitali, in età compresa tra I 18 e I 44 anni, negli Stati Uniti, GB, Brasile e Giappone durante la settimana del 13 gennaio, 2014.
[8] Fonte: Dati Interni Facebook, Settembre 2014
[9] Fonte: Dati Interni Facebook, Settembre 2014
[10] Fonte: Cisco Visual Networking Index (VNI) Aggiornaento delle previsioni del traffico di dati globale da mobile, febbraio 2014.
[11] Fonte: ComScore, US, settembre 2014.
[12] Fonte: “Understanding the Online Video Universe,” di HawkPartners (commissionato da Facebook). Sondaggio su 2,418 intervistati rappresentativi della popolazione Facebook anglofona in termini di dati chiave inclusi età, genere, guadagni, educazione. *come tendi a scoprire i video che guardi online? Altri metodi includono: Facebook, YouTube, Direttamente da un amico, Google, Fonte di news online, TV/Radio, Twitter, Tumblr, Instagram, Pinterest, Magazine/giornali stampati.
[13] Case Study europeo di McDonald.

[ ph © venimo – Fotolia ]

Pin It

Related Posts

Comments are closed.