Horrorstör, una storia di fantasmi dentro un catalogo IKEA

by • 16 Settembre 2014 • Comunicazione, Non ConvenzionaleComments (0)2022

Alzi la mano chi ha provato almeno una volta nella vita un brivido di terrore alla prospettiva di passare un’intera giornata all’IKEA. Grady Helix porta la sensazione al massimo ambientandoci un intero romanzo, di genere horror.
Il titolo, un calco sui nomi tipici dei mobili IKEA, è Horrorstör ma la parte ancora più interessante è la veste grafica, che rispecchia a livello visivo la comunicazione del colosso svedese, riprendendo lo stile dei cataloghi ormai familiare e diffuso in tutto il mondo.
La copertina del libro, in uscita questo mese per i tipi di Quirk Books, è opera di Christine Ferrara, che ha ricreato (con l’aiuto di miniature trovate su Etsy) una stanza allestita con riproduzioni in scala 1/12 dei celebri mobili IKEA.

 

Horrorstor-cover

 

Le illustrazioni all’interno invece scaturiscono dalla creatività di Mike Rogalski che inserisce schede degli oggetti in vendita presso “ORSK” (il nome di fantasia della gigantesca catena di negozi) disegnati come apparirebbero in uno dei tanti libretti di istruzioni di montaggio o schede che conosciamo, affiancando descrizioni asettiche e inquietanti al contempo:

Boasting several advantages over traditional forms of restraint, BODAVEST confines the penitent and opposed the agitated movement of blood toward the brain, forcing the subject into a state of total immobility, conducive to self-reflection and free of stressful outside stimuli. Available in light oak and medium birch.

Per chi volesse leggerlo, si trova in prevendita su Amazon, in digitale oppure nella versione con copertina flessibile.

 

Horrorstor-Mesonxic Horrorstor-orsk Horrorstor-bodavest

Pin It

Related Posts

Comments are closed.